Pride Italia

Rifacciamo l’amore tiene profondamente alla visibilità del poliamore in Italia. Siamo dell’idea che il poliamore abbia bisogno di uscire nelle strade e scendere in piazza per mostrare la realtà di una comunità che cresce e che prima o poi vorrà rivendicare i propri diritti.

In tema di diritti, il 25 febbraio sono state approvate le nozze gay in Italia. Al riguardo condividiamo le critiche sollevate da arcigay Modena:

“Per la prima volta sono state riconosciute con una forma giuridica ben precisa le famiglie composte da due persone dello stesso sesso, ovvero le unioni civili previste dal decreto di legge Cirinnà, approvato al Senato e ad un passo da diventare legge. Un riconoscimento monco, che non prevede alcun diritto e tutela per i figli che queste famiglie già hanno, e distinzioni nette, a tratti umilianti, rispetto al matrimonio, ma indubbiamente un passaggio dal nulla all’esistenza giuridica, con relativi diritti e doveri.

E, tramite lo stesso istituto giuridico, per la prima volta è stata sancita, per legge, la distinzione fra persone eterosessuali ed omosessuali. Le unioni civili saranno infatti riservate solamente a coppie di persone dello stesso sesso, che per legge avranno diritti, però meno diritti, e doveri, però meno doveri, proprio in quanto omosessuali. […] Per legge, le persone omosessuali avranno il loro recinto. Un recinto ben accessoriato, ma pur sempre un recinto.” – Arcigay Modena

È in questo scenario che arriviamo a giugno, il mese dei Pride, la più importante occasione di visibilità dell’anno per gay, lesbiche, bisessuali, trans, queer, intersessuali, asessuali, e per tutte le altre realtà sessuali e di genere che si scostano dalla famiglia tradizionale monogama etero cis-gender, inclusi noi poliamorosi, anarchici relazionali, coppie aperte, bdsmers, scambisti, e non-monogami etici e consensuali in senso lato (qui l’articolo con cui illustravamo le importanti lezioni del Pride per la nostra comunità).

Pride 2014

Per questo, ogni anno, Rifacciamo l’amore offre supporto logistico e materiale alla presenza di un corteo di rappresentanza della comunità poliamorosa nei vari appuntamenti dell’Onda Pride, con l’idea di avere una presenza anche nella scena politica (ampliando l’agenda oltre al tema del matrimonio e delle adozioni) e dando una spinta ulteriore verso una società più inclusiva, libera e socialmente giusta.

Quest’anno sfileremo di nuovo con lo striscione “Poliamore” e le magliette della Zoccola Etica in diverse città.

Di seguito potete trovare la mappa con i luoghi e le date delle manifestazioni d’orgoglio LGBTQIA 2016 più vicine a voi:

Mappa dell'Onda Pride, 2016 Mappa dell’Onda Pride, 2016